In Australia con nostro figlio di 3 anni

Sydney Harbour Australia

Quando si pensa alla vacanza dei propri sogni tra le mete più ambite c’è l’Australia. Chi non ha mai desiderato di andarci almeno una volta nella vita?
Bene, io e mio marito abbiamo avuto questa grande fortuna, abbiamo realizzato il sogno e soprattutto affrontato la sfida di portarci nostro figlio di tre anni!
Certo non è facile affrontare un viaggio aereo di un giorno intero e il fuso orario con un bambino piccolo, ma l’idea di trascorrere un intero mese di vacanza in un paese così lontano e affascinante ci ha fatto superare ogni timore. E’ iniziato così il nostro viaggio in Australia!

Ricordo benissimo la sensazione del mio primo giorno di vacanza iniziata, direi alla grande, a Bondi Beach, una delle più rinomate spiagge di Sydney. Con i piedi nell’acqua, guardando l’oceano e i surfisti tra le onde ho pensato…siamo dall’altra parte del mondo, wow!

Bondi Beach Sydney Coastal Walk a Bondi Beach Sydney
Iceberg Pool a Bondi Sydney Bondi Beach Coastal Walk

Bondi è un posto incantevole e si è subito rivelato adatto a noi, la lunga spiaggia di sabbia chiara è costeggiata da parchi per la famiglie, da aree picnic dotate di barbecue e basta attraversare la strada per avere a portata di mano negozi di ogni tipo. Ci sono inoltre parchi attrezzati per lo sport e un grande skatepark, c’è addirittura una grandissima piscina di acqua salata sull’oceano, l’Iceberg.
Tutto è molto curato. Ho avvertito subito che qui la natura e l’uomo si fondono in un equilibrio perfetto basato sul reciproco rispetto.

Da Bondi parte un sentiero panoramico lungo la scogliera affacciata sull’Oceano, che collega le altre spiagge della costa. Non potevamo certo perderci la passeggiata che arriva alla spiaggia di Bronte. Ammirando lo spettacolare contrasto tra l’azzurro del mare e il verde delle piante che rigorose si intrecciano alle rocce, siamo arrivati alla spiaggia di Tamarama, dove si notano subito ville molto lussuose e un piccolo bar, il “Tamarama beach cafè”, ovviamente abbiamo fatto una sosta, prendendo un frullato e gustando il paesaggio prima di ripartire.

Una volta a Bronte l’ambiente mi è sembrato sicuramente più adatto alle famiglie con bambini. La spiaggia e il prato che la circonda erano pieni di persone che facevano picnic, c’è anche un parco giochi dove io mio marito e mio figlio abbiamo passato un paio di ore chiacchierando con le mamme del posto. Prima di tornare a Bondi abbiamo pranzato in uno dei numerosi locali che si trovano lungo la strada sopra la spiaggia. Devo dire che quello che non manca a Sydney è sicuramente il cibo, la città multiculturale è ricca di locali dove puoi assaporare cucine di ogni etnia.

Lasciando la costa e entrando nel vivo della “city” non si può certo non visitare la zona del porto con i suoi maestosi grattacieli e i numerosi locali e ristoranti, di notte poi la vista è spettacolare. Se si va a Sydney con i bambini si devono assolutamente visitare il grandissimo acquario Sea Life, il museo di scienze naturali con i suoi dinosauri e il luna park.

Ma il nostro viaggio in Australia non si è limitata solo a Sydney, abbiamo affrontato senza paura le lunghe distanze raggiungendo posti meravigliosi, affittando macchine, prendendo traghetti e voli interni con piccoli aerei che ci hanno portato in zone spettacolari e uniche. Tra le nostre tappe alcune zone del Queensland.

Lasciando la città dell’Opera House, abbiamo raggiunto Hervey Bay, piccola cittadina costiera, e da li con un traghetto Fraser Island, l’isola più sabbiosa al mondo. Nell’isola non esistono strade asfaltate , ma solo mezzi a quattro ruote motrici come il pullman che abbiamo preso, che faceva enormi salti sulla sabbia e ci ha veramente sballottati per tutta l’isola, ricordo ancora le risate di mio figlio, sembrava di essere su una giostra.

Fraser Island in Jeep Lago McKenzie a Fraser Island Australia
Dingo a Fraser Island Australia Relitto a Fraser Island Australia

Li la natura è pazzesca, lungo la spiaggia abbiamo incontrato i dingo che passeggiavano in riva al mare. Abbiamo visitato la foresta pluviale ricchissima di vegetazione, poi il lago McKenzie, con la sua bianchissima spiaggia e l’incredibile colore dell’acqua cristallina che ha tutte le sfumature dell’azzurro più intenso e fa pensare al paradiso terrestre. Poi le Champagne Pools, una sorta di Jacuzzi naturale!

Insomma Fraser è un posto unico e meraviglioso e nonostante le lunghissime camminate per visitare i suoi meravigliosi paesaggi è un posto a misura di famiglie con bambini, che vale veramente la pena di visitare.
Il continente australiano con la sua natura è un posto straordinario, ci ha lasciato ricordi indelebili e chissà magari prima o poi rivivremo il sogno.

 

Daniela S.