STORIA DELL'AUSTRALIA

Ricerche archeologiche hanno dimostrato che la presenza degli aborigeni sull’odierno territorio australiano risale a quasi 50.000 anni fa. Gli aborigeni riuscirono a stanziarsi su questa terra selvaggia ed ostile, sviluppando un mistico ed armonioso legame con la natura.

 

La “Terra Australis” fu scoperta dagli europei solamente nel 1906, fu il navigatore Olandese Willem Janszoon ad avvistare per la prima volta la “nuova terra”. Dopo numerose spedizioni da parte degli europei, fu il capitano inglese James Cook nel 1770 a sbarcare a Botany Bay e colonizzare il territorio in nome della corona britannica.

 

L’Australia fu inizialmente utilizzata dai britannici come colonia penale, molti ergastolani condannati ai lavori forzati furono usati per estrarre le prime risorse minerarie che il nuovo territorio offriva. Nel 1788 sbarcò il capitano britannico Arthur Phillip nominato primo governatore della colonia, il quale il 26 Gennaio inaugurò Sydney, giorno a tutt’oggi festeggiato come l'”Australia Day“, festa nazionale ufficiale dell’Australia.

 

Ci furono anni di grande caos e difficoltà per la colonia, dovute all’ostilità dell’ambiente, alle tensioni con la popolazione aborigena e problematiche autoritarie fra la stessa popolazione britannica. Nel 1808 ci fu la cosiddetta “rivolta del rum“, così chiamata per il commercio clandestino del rum che si era andato a verificarsi fra le guardie carcerarie inglesi, che segnò la fine della colonia penale.

 

Gli anni successivi videro la costruzione di infrastrutture e la finalizzazione di grandi opere pubbliche, si iniziarono inoltre a formare le altre colonie prima nell’Australia Occidentale (Albany) ed in Tasmania, successivamente nell’Australia del Sud, Victoria, Queensland e l’Australia del Nord. All’inizio ci furono grandi rivalità fra le varie colonie ma poi finalmente, dopo un susseguirsi di referendum, nel 1901 fu approvata la costituzione, fu la nascita di federazione australiana. A quei tempi Sydney e Melbourne si contestavano, anche in modo violento, il ruolo di capitale, proprio per questo fu fondata Canberra, un compromesso a metà strada fra le due città.

POLITICA AUSTRALIANA

L’Australia è una monarchia parlamentare federale, ufficialmente chiamata “Commonwealth of Australia“, con il monarca britannico, attualmente la regina Elisabetta II, a capo dello Stato.
Il monarca britannico tuttavia ha un ruolo puramente formale , è infatti rappresentato da un Governatore Generale, che insieme con il Primo Ministro, hanno pieni poteri esecutivi.

 

Il potere britannico sulla politica australiana è stato definitivamente abolito nel 1986, sebbene nel referendum del 1999 gli australiani hanno confermato di volere il monarca britannico come Capo dello Stato.

 

Come in Italia, anche in Australia è presente un parlamento bicamerale, costituito dal Senato e dalla Camera dei rappresentanti, e gli australiani sono chiamati a votare almeno ogni 3 anni per eleggere i propri rappresentanti.